Rifiuti e vecchi pneumatici portati a valle a dorso d’asino: la sfida dei volontari di Puliamo il Mondo sul sentiero calabrese del Tracciolino

Si è svolta la bonifica del sentiero del Tracciolino (in provincia di Reggio Calabria), sono stati raccolti e avviati al riciclo quintali di rifiuti, tra cui 60 Pneumatici Fuori Uso
 
Definito anche sentiero azzurro, il Tracciolino è tra i percorsi trekking più suggestivi della Calabria: una splendida terrazza a picco sul mare, apprezzata da turisti ed escursionisti di tutto il mondo, da cui è possibile ammirare da Capo Vaticano a Scilla, dallo stretto di Messina all’Etna fino alle isole Eolie. Purtroppo lungo il percorso erano presenti diversi rifiuti tra cui numerosi PFU, anche di grandi dimensioni, difficilmente trasportabili. Per questo i volontari di Legambiente Calabria e dellAssociazione Barritteri Indietro Tutta si sono affidati al prezioso aiuto degli asini e, insieme, hanno definitivamente bonificato il sentiero.

Grazie a una partnership con Legambiente che dura da 4 anni, a garantire il corretto recupero degli PFU in impianti di trattamento dedicati sarà EcoTyre il Consorzio, primo in Italia per numero di Soci - oltre 650 - e secondo per quantitativi di PFU gestiti - oltre 50 milioni di kg nel 2016, che li ha ritirati con un proprio mezzo senza alcun costo per le Amministrazioni Comunali. Gli PFU raccolti sono stati condotti presso gli impianti di trattamento e avviati al corretto recupero.

Gli PFU sono, infatti, una tipologia di rifiuto cosiddetta ‘permanente’ che, se lasciata in natura, necessita di centinaia di anni per degradarsi completamente; ma rappresentano anche una risorsa: se gestiti in modo corretto sono riciclabili al 100%. La maggior parte viene triturata generando il cosiddetto “granulato di gomma”, un materiale di riciclo riutilizzabile per diversi usi come i fondi stradali e le superfici sportive, per l’isolamento o per l’arredo urbano.

Puliamo il Mondo, l’edizione italiana di Clean up the World, è il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo. Per il 5° anno consecutivo la partnership tra EcoTyre e Legambiente consente la raccolta degli pneumatici abbandonati in diverse Regioni italiane. Quest’anno gli sforzi si sono concentrati, oltre che in Calabria, anche in Piemonte, Sardegna, Lombardia, Emilia Romagna, Molise, Veneto, Sicilia e Puglia.

  • il Direttore di Legambiente Calabria, Luigi Sabatini, presente all'iniziativa, “invita i sindaci ad aderire alla campagna di ecotyre, segnalando il deposito abbandonato di PFU collegandosi al sito internet dedicato pfuzero.ecotyre.it.

L'iniziativa di oggi dimostra che le sinergie tra diverse associazioni, comunità istituzioni e consorzi di filiera funzionano –”.

  • Il presidente dell’Ass. Indietro Tutta Barritteri, Carmelo Arfuso , dichiara l'importanza di salvaguardare il proprio territorio, le proprie bellezze, la propria storia, con semplici gesti, come quello di non abbandonare rifiuti. Ciò che abbandoniamo in natura prima o poi ritorna a noi.

Il sentiero del tracciolino si trova tra i comuni di Seminara,, Bagnara Calabra e  Palmi; questi comuni hanno il compito istituzionale di salvaguardia. “Il tracciolino è una parte della nostra storia e va  tutelata e protetta –”.

Abbiamo deciso di aderire anche quest’anno a Puliamo il Mondo rinnovando la nostra partnership con Legambiente – ha dichiarato Enrico Ambrogio, Presidente di EcoTyreperché crediamo fortemente in questa iniziativa. Grazie alle segnalazioni dei Circoli territoriali di Legambiente e ai numerosi volontari, infatti, possiamo raggiungere e rimuovere i depositi di PFU abbandonati nell’ambiente intervenendo anche nei Comuni più piccoli e nelle zone più impervie d’Italia, come il sentiero del Tracciolino. La raccolta cosiddetta straordinaria nel 2016 ha subito un leggero calo dal momento che sono diminuiti i depositi abbandonati. Questa non può che essere una buona notizia! È, inoltre, la prova tangibile che le nostre iniziative di sensibilizzazione, uno dei punti cardine della nostra mission e del progetto PFU Zero, stanno portando i risultati sperati: sempre più cittadini conoscono la corretta filiera di gestione degli PFU. Questa sempre maggiore consapevolezza – ha concluso Ambrogio ci spinge ulteriormente a collaborare con partner strategici, come Legambiente, che possano dare continuità e visibilità alle iniziative di raccolta straordinaria in modo da intervenire in modo mirato anche in quelle aree in cui la logistica è più complessa”.

 

Oltre a Puliamo il Mondo, tra le iniziative più importanti di EcoTyre vi è “PFU Zero”, il progetto, patrocinato dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che ha l’obiettivo di creare e avere a disposizione una mappatura di depositi abbandonati di PFU segnalati da enti locali, associazioni e cittadini. Le raccolte straordinarie eseguite da EcoTyre sono svolte in modalità totalmente gratuita e senza alcun costo per le Amministrazioni locali. È possibile segnalare un deposito abbandonato di PFU, collegandosi al sito internet dedicato (www.pfuzero.ecotyre.it): EcoTyre valuta ogni segnalazione, coordinandosi con gli enti locali per gli interventi di raccolta.

Chi è EcoTyre

EcoTyre ha sede a Vinovo (TO) e vanta una consolidata esperienza nella gestione delle filiere dei materiali di ritorno. Il Consorzio svolge la sua attività di raccolta in modo capillare su tutto il territorio nazionale, grazie a una struttura snella e dinamica che gli consente di rispondere velocemente alle richieste dei propri Soci, di garantire la certezza del ritiro degli PFU presso i punti di raccolta e di limitare, parallelamente, l’aumento dei costi e dei tempi di intervento. EcoTyre si assume per conto di importatori e produttori di pneumatici la responsabilità della gestione degli PFU oltre che fornire i servizi logistici di raccolta. Il Consorzio, inoltre, è in grado di dialogare con una voce unica presso tutte le sedi di confronto istituzionale, ponendo quesiti e rappresentando le istanze dei propri Soci.

Seminara, 16 ottobre 2017

 

IMG-20171015-WA0005.jpgIMG-20171015-WA0006.jpgIMG-20171015-WA0007.jpgIMG-20171015-WA0008.jpgIMG-20171015-WA0009.jpg

legambiente-network Aree di azione di Legambiente: Volontariato - Turismo - Trasporto - Territorio - Scuola - Rifiuti - Natura - Inquinamento - Globalizzazione - Energia - Economia
 Ecomafia - Clima - Città - Beni culturali - Alimentazione - Acqua

NOTA! Questo sito utilizza automaticamente i "cookies" per offrire la migliore esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo