Legambiente e Enel Green Power insieme per Puliamo il Mondo

Continuano le iniziative della campagna di tutela ambientale. Ieri, una nuova giornata di volontariato aziendale a beneficio della comunità: 37 sacchi di rifiuti tra vetro, plastica, buste e oggetti vari recuperati e differenziati sulla spiaggia di Capocotta da Enel Green Power e Legambiente

Numerose bottiglie di vetro, calcinacci, buste e scatole di polistirolo, ma soprattutto tantissimi cotton fioc e tappi di ogni misura e materiale, ma  anche un trolley, uno pneumatico e una griglia da barbecue: questo il ricco bottino della giornata di volontariato dedicata alla pulizia delle strade, dei giardini e delle spiagge del Belpaese realizzata da Legambiente, oggi con il personale di Enel Green Power a Capocotta, la spiaggia all'interno della Riserva naturale del parco del litorale romano​, ricca di dune punteggiate di macchia mediterranea.

Armati di guanti, rastrelli e sacchetti, il gruppo dell’azienda insieme ai volontari dell’associazione ambientalista, questa mattina hanno liberato dai rifiuti ben 600 metri quadri di dune, parte di un paesaggio bello e fragile che come molte altre spiagge italiane soffre dell'arrivo di rifiuti di ogni genere dalle zone interne, a causa di insufficiente depurazione.

La scelta di realizzare la giornata di volontariato aziendale in questa zona, infatti, non è stata casuale: la spiaggia di Capocotta a Ostia, negli anni è stata strappata al degrado che la caratterizzava e protetta per far aumentare la fascia dunale, una conquista per la qualità del litorale e per la tutela della biodiversità stessa.

Eppure, nonostante queste caratteristiche, oggi il bottino recuperato è stato ricco e variegato: bottiglie, mozziconi di sigarette, calcinacci, stoviglie usa e getta e tanti bastoncini di plastica colorata, residui di cotton fioc gettati nel water e arrivati in mare e poi sulla spiaggia: un fenomeno che conferma ancora che quello dei rifiuti in mare è un problema grave e scarsamente considerato.

Legambiente infatti, da anni studia il fenomeno della marine litter attraverso le campagne estive dedicate al mare, portando avanti una esperienza diffusa di monitoraggi scientifici considerata da più fonti istituzionali internazionali come una delle esperienze più avanzate al mondo della ‘citizen science’.

Per questo l’associazione ambientalista ha ribadito oggi l’importanza del coinvolgimento della società civile nell’affrontare questo problema e ha espresso soddisfazione per aver trovato in Enel Green Power un interlocutore attento e disponibile al sostegno del volontariato ambientale.

L’ufficio stampa di Legambiente: 349.0597187

 

PIM_Legambinte_EnelGreenPower_26_ottobre_Capocotta_1.jpgPIM_Legambinte_EnelGreenPower_26_ottobre_Capocotta_2.jpgPIM_Legambinte_EnelGreenPower_26_ottobre_Capocotta_3.jpgPIM_Legambinte_EnelGreenPower_26_ottobre_Capocotta_4.jpgPIM_Legambinte_EnelGreenPower_26_ottobre_Capocotta_5.jpgPIM_Legambinte_EnelGreenPower_26_ottobre_Capocotta_6.jpg

legambiente-network Aree di azione di Legambiente: Volontariato - Turismo - Trasporto - Territorio - Scuola - Rifiuti - Natura - Inquinamento - Globalizzazione - Energia - Economia
 Ecomafia - Clima - Città - Beni culturali - Alimentazione - Acqua

NOTA! Questo sito utilizza automaticamente i "cookies" per offrire la migliore esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo